A causa della deforestazione, la foresta amazzonica nel territorio brasiliano sta perdendo una superficie equivalente a oltre tre campi da calcio al minuto e siamo sempre più vicini a un punto di non ritorno; Dall'inizio dell'anno sono stati registrati in Brasile circa 73.000 incendi: l'85% in più rispetto a tutti quelli scoppiati nel 2018. Amazzonia, aumenta la deforestazione e cresce la violenza contro i Popoli Indigeni. La foresta è situata per circa il 65% del territorio in Brasile , ma si estende anche in Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana francese, come riportato da TgCom24. In media ogni anno una superficie di foresta tropicale pari a 12.000 kmq, con dei picchi di 28.000 kmq viene distrutta: le cause sono la deforestazione e gli incendi. La deforestazione direttamente legata alle attività umane si stava già muovendo verso “un punto di non ritorno”. I dati drammatici sulla deforestazione amazzonica, diffusi a luglio e negati dal presidente, stanno sollevando reazioni in tutto il mondo. La notizia arriva da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature, dove emerge che un’area estesa come la Grecia potrebbe essere riconvertita a uso agricolo, con la coltivazione di soia. ... Gli incendi stanno distruggendo la foresta pluviale amazzonica del Brasile. Le ricerche suggerivano … La foresta amazzonica, con i suoi 6 milioni di chilometri quadrati, è il “polmone verde” della Terra perché produce il 20% dell’ossigeno nella nostra atmosfera. Conseguenze della deforestazione . Il pericolo: 13 milioni di ettari di foresta Amazzonica riconvertita a terreni agricoli. In questa pagina approfondiamo la conoscenza delle conseguenze della deforestazione.Possiamo evidenziare almeno tre effetti negativi … La foresta Amazzonica sta bruciando, l’area boschiva dell’Amazzonia copre circa 5,5 milioni di chilometri quadrati. La moratoria – si legge nello studio – ha raggiunto i risultati che si prefiggeva di ottenere, e cioè impedire che la foresta amazzonica venisse disboscata per piantare la soia, ma non ha arrestato la deforestazione dell’Amazzonia. Aumenta la deforestazione amazzonica in Brasile: da inizio 2020, bruciati 796 km quadrati di foresta pluviale (Rinnovabili.it) – La deforestazione dell’Amazzonia brasiliana continua ad aumentare e nemmeno la crisi economica dovuta alla pandemia da COVID-19 pare fermarla. Secondo gli ultimi dati dell'Istituto spaziale del Brasile, sotto la presidenza di Jair Bolsonaro nell'ultimo anno la deforestazione dell'Amazzonia ha raggiunto il suo picco massimo dal 2008. I dati ufficiali provengono invece dal Programma di monitoraggio satellitare della foresta amazzonica brasiliana (Prodes), che ha un indice di affidabilità vicino al 95%. Il picco nel tasso annuo di deforestazione si è avuto nel 2005, quando 27,423 chilometri quadrati di foresta sono stati tagliati. Deforestazione della foresta pluviale. La deforestazione aveva toccato il suo massimo nel 2004 quando vennero rasi al suolo circa 30.000 chilometri quadrati di foresta, ossia un decimo della superficie dell’Italia. L’avanzamento più rapido di sempre. La deforestazione è il fenomeno causato dalla distruzione delle foreste da parte dell'uomo. Questo immenso territorio è minacciato dalla deforestazione: dal 1970, circa il 18% della foresta originaria è scomparso a causa della deforestazione e delle attività umane. Deforestazione e cambiamento climatico stanno spingendo l’Amazzonia verso 'l’estinzione'. Dopo il 2004 la deforestazione si è molto ridotta. La foresta Amazzonica viene continuamente distrutta, incendiata per far spazio a pascoli e coltivazioni per i mangimi degli animali. Foresta Amazzonica che esseri umani in tutto il pianeta. ... l’accaparramento delle terre e impedendo che vengano perpetrare attività illegali che mettono in pericolo la foresta amazzonica e le persone che la abitano da sempre. Il paper elenca le tante scappatoie trovate da … Amazzonia: deforestazione dal satellite dal 1975 a oggi La Rondônia, stato del Brasile occidentale, è una delle aree più colpite dalla deforestazione dell'Amazzonia. Credits: Ria Sopala da Pixabay Si rincorrono mese dopo mese i record sulla deforestazione dell’Amazzonia e i piani di Bolsonaro non fanno sperare per il meglio. Ad esempio, nella foresta amazzonica vengono bruciate foreste per far spazio ad allevamenti e a terreni ad uso agricolo. Oggi quest’area, fondamentale per la nostra specie per la produzione di ossigeno e per la capacità di immagazzinare CO2, è in grave pericolo, minacciata dalla deforestazione che ha raggiunto livelli record. Cause della deforestazione Le cause di disboscamento sulla Terra sono principalmente: agricoltura di sussistenza , agricoltura intensiva e allevamento di bestiame o foraggio. Deforestazione della foresta amazzonica e ambientalisti Attualmente, la foresta amazzonica sta risentendo molto di alcuni insediamenti in cui si stanno distruggendo parti molto vaste di esse. La Foresta amazzonica, che ricopre la maggior parte del nord-ovest del Brasile e si estende sul territorio della Colombia, del Perù e di altri paesi del Sud America, è la più grande foreste pluviale del pianeta ed è famosa per la sua biodiversità. Deforestazione della Foresta Amazzonica. Fiamme e deforestazione in Amazzonia. E l'hashtag #prayforamazonia sta diventando virale. In questi casi si parla di deforestazione , ovvero il processo di abbattimento di alberi per fini commerciali e per sfruttare il terreno. La deforestazione nella foresta pluviale amazzonica è aumentata del 67 per cento nei primi sette mesi del 2019 rispetto al 2018. Greenpeace 29 Luglio 2019. Ed è proprio dalla deforestazione che proviene oltre il 50% dei punti d’incendio della foresta. Brasile, deforestazione record in Amazzonia: +13,7 per cento in un anno In un anno l’Amazzonia ha perso quasi 8mila chilometri quadrati di foresta tropicale, cinque volte la superficie di Londra. La deforestazione della foresta pluviale amazzonica ha continuato ad accelerare nei primi anni del 2000, raggiungendo un tasso annuo di 27.423 km quadrati (una superfice superiore alla Lombardia) di perdita di foreste nel 2004. Solo nel territorio brasiliano si stima una perdita della foresta pluviale equivalente a oltre tre campi da calcio al minuto! Il sistema di monitoraggio satellitare dell’agenzia governativa ha registrato la distruzione di 2.255 chilometri quadrati di foresta amazzonica solo a luglio, un avanzamento nel processo di deforestazione tre volte superiore a quello dello stesso mese del 2018 e, secondo l’Inpe, il maggiore di sempre in un periodo così breve. Ogni anno una superficie di foresta pluviale superiore alle dimensioni di uno stato come il New Jersey viene abbattuta e distrutta per sempre. Oltre all’allevamento, l’agricoltura ha il suo notevole peso nella deforestazione amazzonica: fino al 2006 una delle principale cause di perdita forestale era la coltivazione della soia. Si parla di 13 milioni di ettari di foreste tropicali distrutti annualmente e in Amazzonia negli ultimi anni le cose stanno peggiorando: siamo arrivati a 10 mila km quadrati di foresta amazzonica disboscata. Nel 2018, circa il 17% della foresta pluviale amazzonica era già stato distrutto. Deforestazione e incendi in Amazzonia: da Nestlè a Carrefour ecco le multinazionali con la coscienza sporca . La distruzione della foresta pluviale è causata essenzialmente da una solo causa: l’uomo. Questi i fattori che hanno contribuito alla perdita dell’8 per cento della foresta amazzonica tra il 2000 e il 2018. In Amazzonia sorge la foresta pluviale tropicale più grande e più ricca di biodiversità del pianeta, vestigia delle sconfinate foreste che un tempo ricoprivano la Terra. (Rinnovabili.it) – Per l’ennesima volta, secondo i dati ufficiali, la deforestazione dell’Amazzonia brasiliana raggiunge un altro record, più che raddoppiando a gennaio 2020 rispetto all’anno precedente.